Quando la vergogna diventa malattia: catabasi del ribelle dostoevskiano
PDF

Come citare

Cattani, A. (2020). Quando la vergogna diventa malattia: catabasi del ribelle dostoevskiano. Archivi Delle Emozioni, 1(1), 73-89. https://doi.org/10.14275/2723-925x/20201.cat

Abstract

In questo studio si propone una rilettura di due grandi protagonisti dostoevskiani basata sulla “vergogna”, intesa come emozione secondaria dell’autoconsapevolezza e dell’autovalutazione. L’analisi si concentra su Jakov Petrovič Goljadkin, infelice eroe del Sosia, e sull’anonimo protagonista delle Memorie del sottosuolo. Il primo, come esempio mal riuscito (per ammissione dello stesso autore) di un tentativo di dar forma materiale a un'emozione (la vergogna si trasforma in malattia psichica), il secondo, come apoteosi della medesima emozione, articolata nelle sue deviazioni dell'ira e del narcisismo. L'pproccio di tipo ermeneutico, basato sugli studi di Vjač. Ivanov (“Es ergo sum”, solo se tu sei io sono), permette di analizzare il rapporto io-altro in un quadro culturale strettamente slavo e si collega anche con l'interpretazione bachtiniana del testo, nella sua variante dialogica.

https://doi.org/10.14275/2723-925x/20201.cat
PDF